E perché si chiamano “Sassi”?

NICOLA TADDONIO

NICOLA TADDONIO

archeologo | guida turistica | consulente turistico-culturale

C’è chi s’immagina mucchi di ciottoli, chi ha in mente massi sporgenti tra le case, chi è convinto che ogni casetta o grotta del centro storico sia un “sasso”. Ed è, infatti, una delle prime cose che le guide devono chiarire quando portano i visitatori ad affacciarsi, magari per la prima volta, sul balconcino del belvedere Guerricchio o su quello di piazzetta Pascoli: i Sassi di Matera non sono altro che due quartieri del centro storico della città. Ma perché si chiamano così? Qui le risposte si fanno più variegate e incerte. Ecco la mia.

Rupe Tarpea

“[…] eius rupes Tarpeium appellatur saxum

Varro, Ling. 5.41

LE ORIGINI — Non conosciamo di preciso da quando i nomi “Sasso Caveoso” e “Sasso Barisano” iniziarono ad identificare i due insediamenti rupestri ai lati della Civita. I primi documenti a noi pervenuti risalgono al pieno medioevo, tra XII e XIII secolo. All’epoca, gli atti ufficiali erano naturalmente redatti in latino, ed è in questa lingua che figurano per la prima volta i termini Saxum Caveosum e Saxum Barisanum.

Ed ecco la chiave: nella lingua di Cicerone, il termine saxum significa “pietra”, “masso”, ma anche e soprattutto “rupe”, in particolare quando è legato ad un toponimo. Pensiamo ad esempio alla stessa Roma: in alcune fonti, con il termine Saxum si individua il Campidoglio, l’acropoli dell’urbe, ed in particolare alcuni tratti delle sue pendici, come il Saxum Tarpeium, un’erta rupe da cui venivano gettati i traditori, che sin dall’antichità è stata scavata per realizzare depositi ed abitazioni nella roccia tufacea. Un altro importante saxum romano è il s. sacrum, la rupe dell’Aventino da cui Remo trasse gli auspici.

Sebbene nel passaggio dal latino all’italiano il significato di saxum come rupe o parete rocciosa e scoscesa di un monte o di un burrone sia andato progressivamente perduto nell’uso quotidiano, esso si è mantenuto sia in ambito letterario (ad esempio in Dante), sia proprio nella toponomastica: Castel del Sasso (Cerveteri, RM), Sasso Marconi (BO), Sasso di Castalda (PZ), sono altri esempi di centri abitati sovrastati da una rupe rocciosa. 

PARETI DI ROCCIA? DOVE?— Osservando oggi i Sassi, in particolare il Barisano, è difficile persino scorgere il banco roccioso in cui sono incastonati centinaia di edifici sovrapposti. Ma in pieno Medioevo, quando gran parte di essi ancora non esisteva, a chi li osservava dalla Civitas (dove con ogni probabilità alloggiava chi redigeva i documenti ufficiali) i Sassi apparivano molto diversi da ora: un paesaggio decisamente più rupestre, dominato da ripide pareti di roccia calcarenitica punteggiata di grotte e che ai notabili locali, intrisi di cultura classica, dovettero apparire lontane eco dei celeberrimi luoghi capitolini.

Il Monterrone, in particolare, ancora oggi non cessa di evocare suggestioni mitologiche, come quando è stato trasformato in Themyscira, l’Isola Paradiso patria delle Amazzoni, per il set di Wonder Woman. 

 

E perché “Barisano” e “Caveoso”? Naturalmente ho una mia risposta anche a questa domanda. Ma ve la dico nel prossimo articolo.

 

I am Diana of Themyscira, daughter of Hippolyta, Queen of the Amazons.”

WONDER WOMAN

ENOGASTRONOMIA

7 piatti materani che vi faranno passare ogni voglia di dieta.

CURIOSITÀ

Egghia! Le 10 espressioni più belle del dialetto materano.

Ti piace? Condividi! Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email
Pin on Pinterest
Pinterest
0