Metaponto e la Magna Grecia

Sin dall’Età Micenea, le coste dell’Italia Meridionale sono state esplorate e poi frequentate da esploratori e mercanti greci. Le fertili piane e le genti che le abitavano sono narrate nei nostoi, i racconti mitici dei ritorni degli eroi achei dalla guerra di Troia. Filottete, Nestore, Diomede e ovviamente lo stesso Ulisse hanno fatto tappa o si sono stabiliti qui da noi.

Al di là del mito, le polis sulla costa divennero delle grandi potenze, fino ad essere note come Magna Grecia. La fertile piana metapontina accolse in gran numero i contadini achei, che col duro lavoro ebbero ragione dei cinque fiumi che l’attraversavano. La ricchezza della chora di Heraclea (oggi Policoro) e soprattutto di Metaponto, ne finanziò lo sviluppo monumentale già dall’età arcaica. I resti del santuario urbano metapontino sono secondi, in Magna Grecia, solo a quelli di Paestum. La grandezza della città ionica si misura anche in ambito culturale. Lo stesso Pitagorainfatti, la scelse per vivere i suoi ultimi anni e fondarvi una Scuola filosofica.

Più spettacolari i resti del santuario extraurbano noto come Tavole Palatine. Situato presso la foce del fiume Bradano, mostra ampi tratti dei colonnati in stile dorico edificati nel VI sec. a.C. Merita una visita al Museo Archeologico Nazionale di Metaponto, ricco di reperti recuperati in decenni di ricerche. Forse ancora più importante è la collezione del Museo Archeologico Nazionale della Siritide a Policoro, dove oltre ai manufatti greci sono raccolti materiali eccezionali provenienti dai siti indigeni dell’interno. Magnifiche parure d’ambra, armi e vasi sono lì a testimoniare che gli enotri non siano stati semplici comparse nel racconto della Colonizzazione Greca.

Oggi la piana è ancora adibita soprattutto all’agricoltura, sebbene sia in forte crescita il settore turistico. Masserie e casolari diventano agriturismi, mentre la costa ionica è un punto di riferimento per il turismo balneare nel Meridione.

Durata itinerario standard: 2 h (senza Musei).

Difficoltà: facile.

Il teatro nel Santuario urbano di Metaponto, IV sec. a.C.
Le cosiddette Tavole Palatine.
Ti piace? Condividi! Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Email this to someonePin on Pinterest0